Archive | April, 2012

Come fare impallidire … una vagina

26 Apr

Volete una vagina più splendente, linda, glabra e soprattutto “pallida”? Siete stanche di dovervi sentire a disagio quando, guardando i film porno, non vi riconoscente in quel pube d’alabastro perfettamente depilato inquadrato dalle telecamere? Volete sfoggiare anche voi una pelle perfettamente pallida anche nella zona dove non batte il sole? Bene, per tutto questo c’è una soluzione, un prodotto miracoloso appena messo in commercio in India. Il sito americano Jezebel riporta la pubblicità, diffusa sui canali del Sub continente indiano, di una nuova crema che promette di ottenere sulla vostra vagina quello che la candeggina produce sui vestiti: un puro effetto sbiancante.

Nello spot si vede una coppia di ragazzi seduti in salotto, lui legge ilgiornale e non degna di uno sguardo la ragazza che gli passa una tazza di caffè nero e ha in viso un espressione disperata, lo spot continua con una serie di inquadrature su oggetti a forte contrasto bianco e nero. Solo verso la fine si capisce che la ragazza è angustiata dal colore troppo scuro delle sue parti intime ma, dopo una doccia a base “Clean and Dry Intimate Wash”, riacquista la sua sicurezza e può finalmente offrire un sesso bianco immacolato al suo ragazzo.

In una sola pubblicità e in un solo prodotto vengono riproposti clichés razzisti e pericolosi per la salute. La supposta superiorità estetica della pelle bianca porta tantissime ragazze con carnagione scura ad usare prodotti sbiancanti che possono causare anche tumori alla pelle. Il tutto per avvicinarsi il più possibile ad un modello di bellezza veicolato dall’industria dei media e che purtroppo alcuni uomini e donne ritengono necessario replicare anche nella realtà.

Dallo sbiancamento dell’ano a quello della vagina il passo è stato breve.

A volte mi chiedo: non sarà stata più contenta mia nonna che facendo all’amore nelle ore notturne non era tenuta né a depilazioni selvagge, né a chirurgie plastiche, né tanto meno a sbiancamenti della vagina? E nonostante tutto gli uomini perdevano la testa al solo pensiero di poter arrivare al posto più segreto di ogni donna. Che l’eccessiva esposizione dei sessi abbia trasformato quello che poteva essere considerato un oggetto di culto in un puro oggetto estetico sottoposte alle regole del design e della moda? Voi cosa ne pensate? Lasciate un commento a questo articolo su www.exsess.wordpress.com

Advertisements

Sessualità: quello che le donne desiderano

17 Apr

Se volete sapere tutto quello che le donne desiderano sul sesso ma non siete dotati di capacità extrasensoriali come Mel Gibson in “Quello che le donne vogliono”, un libro ” Les Femmes, le sexe et l’amour” potrebbe fare al caso vostro.

Il francese Philippe Brenot, psichiatra, sessuologo e presidente dell’ Observatoire international du couple, si è interessato alla sessualità femminile ponendo ad un campione di 3404 donne tra i 15 e gli 80 anni, 200 domande sulla sfera più intima della loro vita.

300 pagine ricche di informazioni e  testimonianze come quella di Lucie 23 anni, che dichiara di amare il sesso torrido, o quello di Karine 28 anni che dice “amo essere presa completamente, abbandonarmi al mio compagno, amo che lui mi veda perdere la testa sotto le sue carezze”, o ancora come Anais 46 anni a cui piace alternare sesso dolce e selvaggio.

Racconti di donne libere che non si vergognano a parlare apertamente di desiderio, passione, orgasmo e sex toys, un’evoluzione incredibile se si tiene conto che nel campione intervistato sono presenti anche donne di una certa età che hanno dimostrato molta conoscenza di sé e del piacere.

Nonostante questo passo avanti però il piacere continua ad essere qualcosa di non automatico. Se il 74% delle donne intervistate dichiara di raggiungere facilmente l’orgasmo solo il 16% lo prova sistematicamente , 55% spesso , 21% raramente e 5% mai.

Quanto alla prima volta, la differenza tra uomo e donna è ancora più abissale. Il 74% degli uomini raggiungono l’orgasmo nel corso della loro iniziazione mentre solo il 42% delle donne commenta l’esperienza con un semplice “è andata bene” praticamente nessuna prova l’orgasmo.

La masturbazione non suscita più alcun senso di colpevolezza e ben il 68% delle intervistate dichiara di averla praticata. Un’attività fondamentale secondo l’autore dello studio per costruirsi una sessualità che non annoi e che permette alle donne di conoscersi e far capire al partner cosa piace loro.

Un ultimo dato interessante sembra essere quello che le nuove generazioni scelgono partner più dolci, teneri e rispettosi e più disponibili ad ascoltare i desideri delle  loro compagne. Buona lettura.

Ti è piaciuto l’articolo? commentalo e condividilo con i tuoi amici. Continua a seguirci su https://exsess.wordpress.com/ e sulla nostra pagina facebook https://www.facebook.com/sesso.curiose

Film lovers will love this

5 Apr

Exsess vi propone oggi un video un po’ datato ma di sicuro effetto che spero vi piacerà vedere o rivedere. Film lovers will love this 🙂

L’arte cinematografica europea e la passionalità di un popolo costituito da 27 Stati rappresentati al meglio in questo video che riprende le più belle scene amorose di film europei, realizzati anche con i fondi della Commissione europea.

Nel video sono visibile scene tratte da:

Le Fabuleux destin d’Amélie Poulain by Jean-Pierre Jeunet

Breaking the waves by Lars von Trier

La meglio gioventù by Marco Tullio Giordana

La mala educacion by Pedro Almodóvar

Goodbye Lenin by Wolfgang Becker

La sposa turca (Gegen die Wand) by Fatih Akin

Breaking the waves by Lars von Trier

The Dreamers by Bernardo Bertolucci

Ti è piaciuto il post? Commentalo o condividilo con i tuoi amici. Continua a seguirci su www.exsess.wordpress.com

Siamo tutte donne fontana…forse

3 Apr

Se nel bel mezzo di una tranquilla e noiosa serata irrompesse nella vostra camera una ex hippie che, mettendosi a sedere sul vostro letto, vi dicesse: “siamo tutte donne fontana”, voi cosa pensereste? Io personalmente, a qualche problema idraulico di cui ero totalmente all’oscuro. Ma più la hippie parlava, in francese, (era la madre della mia coinquilina) più mi convincevo del fatto che stesse parlando di qualcosa di sessuale.

E più parlava di liquidi a cascata, simbolo di un perduto potere sessuale che le donne per secoli avrebbero controllato fino a far sparire perché sottomesse all’uomo, più io mi immaginavo l’atto dell’estremo godimento come una sorta di pre-parto in cui si perdono le acque. Insomma sconvolgente. Appena liberata dalla strana e mistica presenza della signora profumata di patchouli ho cominciato la mia ricerca sulle cosiddette Femmes Fontaine o meno poeticamente dello squirting, scoprendo un mondo a cui neanche tutte le chiacchiere tra donne mi avevano preparato.  Mi era quindi sconosciuto la quintessenza del piacere femminile e la presa d’atto mi ha a dir poco disarmato.

E soprattutto mi ha indignato la mancanza di una univoca spiegazione medica sull’argomento, come se non fosse degno di accurate analisi scientifiche. I giapponesi, che nell’ambito di pratiche sessuali poco ortodosse ne sanno una più del diavolo, chiamano il fenomeno shiofuki.

In estrema sintesi quella che impropriamente viene chiamata “eiaculazione femminile” verrebbe provocata da una forte eccitazione e dalla stimolazione di una parte identificabile con il punto G e con più esattezza con delle ghiandole posizionate intorno all’uretra chiamate ghiandole di Schene.  Il liquido verrebbe espulso tramite l’uretra come una normale pipi, pur non avendo la stessa consistenza e composizione.

Insomma, se durante una bollente sessione amorosa sentite improvvisamente la sensazione di fare la pipi, non trattenetevi, fatela! In realtà non si tratta di pipi ma di un eiaculazione goduriosa e i vostri partner saranno contentissimi di essere innaffiati… almeno credo!!

In realtà, nonostante esista una categoria di film porno dedicata a questa pratica, la maggior parte degli uomini con cui ho parlato dell’argomento non mi sembrava molto allettati all’idea di essere per una volta irrorati da un getto di liquido ribelle.

E se avesse ragione la ex hippie? se questa forma di godimento femminile fosse così potente da imbarazzare gli uomini stessi al punto da oscurare e negare per secoli l’esistenza stessa del fenomeno?  Magari le parole della signora sono un pò troppo femministe per i miei gusti, ma scoprire di avere la possibilità di raggiungere un tale orgasmo mi ha fatto sentire di per sé… potente 🙂

Saluti a tutte le Donne Fontana.

Ti è piaciuto l’articolo? Leggi altri post su www.exsess.wordpress.com e clicca mi piace sulla nostra pagina facebook

%d bloggers like this: