Donne: incrociate le gambe.

26 Oct

Scordatevi petizioni, manifestazioni, sit-in e raccolte firme: le battaglie per ottenere i propri diritti si sono spostate dalla piazza alla camera da letto. E se credete che l’astinenza sessuale sia solo una pratica per ottenere il paradiso, ravvedetevi, può far raggiungere anche obiettivi più terreni. Ne sanno qualcosa gli uomini di Barbacoas, piccolo paese della costa pacifica della Colombia, costretti ad una purificazione dal peccato carnale non da un parroco gesuita ma dalle proprie consorti che, stanche di sentirsi isolate dal resto del mondo, hanno deciso di portare avanti uno sciopero ad oltranza del sesso per ottenere niente poco di meno che una strada. Non una stradina qualsiasi ma ben 57 km di strada asfaltata che avrebbero collegato Barbacoas al resto del paese. Al grido di “no hay caminos, no hay sexo” le signore hanno deciso di seguire l’esempio di Lisistrata, eroina di Aristofane che, grazie al primo sciopero del sesso della storia, riuscì a far terminare la guerra del peloponneso (431-404 a.C.). Dopo 3 mesi e 19 giorni di gambe letteralmente incrociate le Barbacoasiane hanno già ottenuto un grande risultato: la costruzione dei primi 27 km della strada. Una strategia vincente ad ogni latitudine. Nelle Flippine ad esempio è stata utilizzata per far terminare una faida tra famiglie rivali e in Belgio per costringere i politici a trovare un accordo e formare un nuovo governo. Possiamo solo immaginare cosa sarà successo alla fine dell’astinenza. Se invece siete curiose o progettate di mettere in pratica una protesta simile, vi consigliamo di vedere un film appena uscito nelle sale: “La source des femmes” del regista franco-romeno Radu Mihaileanu. Buon sciopero a tutte 🙂

 

http://www.elle.fr/Love-Sexe/News/Colombie-une-greve-du-sexe-pour-obtenir-une-route-1774510

Advertisements

One Response to “Donne: incrociate le gambe.”

  1. Debra Morgan October 28, 2011 at 8:28 am #

    Chissà se anche qui facendo incrociare le gambe al cospetto dei politici riusciremmo a sbarazzarci di chi usa il potere per altri scopi!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: